Il parco nazionale di Phu Quoc

Il parco nazionale di Phu Quoc copre oltre il 50% dell’isola, quindi vale sicuramente la pena di visitarlo, soprattutto se vuoi fuggire dal calore del sole, passeggiare lungo un sentiero nel parco o andare in motocicletta su una delle strade della part nord dell’isola e che vi darà un assaggio dell’ambiente naturale su Phu Quoc.

Parco nazionale di Phu Quoc: una vista d’insieme

Estensione

Il Parco nazionale di Phu Quoc è stato istituito dal governo vietnamita nel 2001, dopo l’ammodernamento della precedente area di protezione naturale e riserva naturale, per un’area di 31.422 ettari, che comprende 8603 ettari di area protetta, 22,603 ​​ettari di area di restauro biologico e 33 ettari per l’amministrazione e servizi.

Altri 6.144 ettari sono dedicati a una zona di terrapieno ea circa 20.000 ettari di zona di protezione del mare, anche se le zone di protezione marina finali devono ancora essere dichiarate.

Posizione

Il Parco Nazionale si nella parte nord est dell’isola ed i suoi confini settentrionali ed orientali coincidono con la parte costiera di Phu Quoc. Il parco è situato entro i confini dei seguenti comuni: Gành Dau, Bãi Thơm, Cua Cạn e in parte dei comuni di Cua Duong, Hàm Ninh, Duong To e Duong Dong.

Topografia

Il punto più alto nel parco nazionale di Phu Quoc è il Monte Chua a 603 m, con piani in futuro per  tracciare un sentiero che percorrendolo porti fino al punto piu’ alto dell’isola. Il parco nazionale contiene una serie di torrenti stagionali, con il più importante è il fiume Rach Cua Can, che sfocia nel golfo della Thailandia, sulla costa occidentale dell’isola, appena a nord del villaggio di Cua Can.

Come visitare il Parco Nazionale di Phu Quoc

Il Parco Nazionale di Phu Quoc non ha confini del tutto definiti, tuttavia finché il Parco Nazionale non sarà reso più accessibile per le esigenze del turismo, le seguenti opzioni sono disponibili per i visitatori desiderosi di esplorarlo:

  • Noleggia una moto autonomamente ed esplora le parti settentrionali dell’isola. Le zone migliori e le parti più boscose possono essere trovate sulla strada verso Ganh Dau. Per arrivarci, prendi la strada da Duong Dong in direzione di Bai Thom e svolta verso Ganh Dau, il parco nazionale diventa più evidente più ti avvicini al villaggio di Ganh Dau.
  • I percorsi a piedi sono limitati, anche se per un ottimo modo di vivere il parco nazionale c’è un buon sentiero a piedi 5 km prima di Ganh Dau, dove il percorso è relativamente facile ed il tracciato è abbastanza largo da darti una buona visuale. La passeggiata è un modo particolarmente piacevole per sfuggire al caldo, poiché la vegetazione fornisce copertura dal calore del sole. Prendi la stessa strada menzionata in precedenza verso Ganh Dau e 100 metri dopo il segnale di 5km di distanza da Ganh Dau sul lato sinistro troverai un’apertura nel parco nazionale con un sentiero a piedi chiaramente definito che continua per un paio di chilometri. Nota, oltre al segnale Ganh Dau di 5 km, il percorso effettivo non è segnato.
  • Se ti piacerebbe esplorare il Parco Nazionale di Phu Quoc insieme ad altre cose sull’isola, potresti prendere in considerazione la prenotazione di un tour attraverso uno dei tanti tour operator dell’isola, o informati presso il tuo hotel.

Flora e fauna del  parco nazionale di Phu Quoc

Situato su un’isola con un clima di tipo terrestre e costiero, il Parco Nazionale di Phu Quoc contiene molti tipi di piante e differenti tipi di vegetazione tra cui mangrovie nelle zone umide, aree boschive sparse, vegetazione costiera e foresta sulla parte rocciosa.

Gli studi del Centro tropicale Vietnam-Russia nel 2005 hanno registrato 1.164 specie vegetali, tra cui 23 specie di orchidee e 12 specie di piante rare tra cui il callosum Paphiopedilum globalmente in via di estinzione che è stato recentemente trovato nel parco, per maggiori informazioni visitate questo sito www.wildlifeatrisk.org

Un totale di 208 specie animali sono state registrate nel Parco Nazionale, tra cui 28 mammiferi, 119 uccelli, 47 rettili e 14 anfibi. Di queste specie animali, 6 specie di mammiferi, 4 di uccelli e 9 di rettili sono a rischio globale. Le specie rare includono lori gracili, il macaco dalla coda lunga, il langur grigio, la lontra e il bucero.

Il futuro del Parco Nazionale di Phu Quoc

Il parco nazionale è ben riconosciuto per la sua biodiversità e potenziale in futuro per attrarre turismo data la grande parte dell’isola che occupa.

Negli ultimi anni, le autorità locali e vietnamite hanno compiuto sforzi per gestire il Parco Nazionale nell’ottica di protezione dell’ambiente e degli ecosistemi dell’isola. Mentre alcune attività nocive si svolgono ancora come la caccia e la cattura di animali, il disboscamento illegale e la pulizia del terreno, le autorità stanno migliorando la sorveglianza e hanno maggiori poteri nella protezione dell’area. Inoltre, c’è un crescente coinvolgimento della comunità e l’educazione che si sta svolgendo, informando i residenti locali sul valore ambientale del parco nazionale e sui modi per proteggere gli ecosistemi.

Alcuni consigli per un trekking sicuro

  • Pianifica sempre il tuo viaggio con attenzione ed in anticipo.
  • Lasciare i dettagli scritti del percorso e l’orario previsto per il ritorno con un altra persona.
  • Prenditi il ​​tuo tempo; imposta un ritmo che può essere adatto al partecipante più lento del tuo gruppo.
  • Assicurati di avere molta acqua e di sapere dove è disponibile acqua fresca lungo il tuo percorso.
  • Porta sempre un kit di pronto soccorso ben attrezzato.
  • Non accendere mai un fuoco nel parco in quanto vige un regolamento che lo vieta.
Be the first to comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *